HABAN AHORA
giovedì 4 settembre 2008 - Piazzale Ex Bimac | ore 21.00


L’orchestra Haban Ahora è formata da 9 musicisti
di nazionalità cubana. Assieme al gruppo vi
saranno inoltre 2 ballerine e 1 ballerino anche
loro cubani. Il progetto Haban Ahora è nato
a l’Avana, nel cuore di Cuba, con l’obiettivo
di diffondere in tutto il mondo la musica caraibica
più apprezzata da chi ama il ritmo e il ballo.
Quest’orchestra è stata fondata da Juan
CarlosAvila, compositore e bassista tra i più
rappresentativi della nuova generazione
di musicisti cubani. Dalla Bachata al Merengue,
dal Son al Chachacha, dalla Rumba alla Salsa,
fino ad arrivare alla “rica” Timba cubana.
Nelle esecuzioni dell’orchestra Haban Ahora si avverte tutto il gusto della tradizione
e della cultura del tropico. Quest’orchestra ha già al suo attivo due dischi. L’ultimo
di questi, dal titolo “Salsa Salsita” vede la partecipazione di musicisti di primo piano
dell’ambito salsero internazionale. La performance che il gruppo propone è
fortemente caratterizzata dai ritmi e dai sapori della musica cubana e quindi
in grado di coinvolgere il pubblico in una serata all’insegna delle atmosfere
caraibichee del ballo.



ELISA AMISTADI
venerdì 5 settembre 2008 - Piazzale Ex Bimac | ore 21.00

Il progetto musicale di Elisa Amistadi, arcense
di origine ma ormai roveretana di adozione,
è il frutto di un percorso artistico intrapreso
sin da giovanissima. Ciò che risulta evidente
ascoltandola è l’originalità dei suoi brani:
un ricercato utilizzo di ambientazioni elettroniche
insieme a forme musicali più vicine alla
dimensione cantautorale che si fondono
efficacemente e conferiscono alla sua musica
un’impronta molto personale. Quello che colpisce
di Elisa Amistadi, oltre lo stile della sua scrittura,
sono le straordinarie qualità vocali che mette
in evidenza. Ci sono nella sua voce, estremamente ispirata, grandi doti interpretative,
sensibilità, controllo tecnico e, soprattutto, la capacità di arrivare in modo diretto
al cuore di chi l’ ascolta. Anche i suoi testi colpiscono per qualità poetica e profondità.
Queste doti le hanno consentito di raccogliere già importanti riconoscimenti sulla scena
nazionale. Tra questi, l’affermazione nel 2005 e a soli 23 anni al Festival Musicultura
di Macerata (già Premio Recanati) come vincitrice/finalista, assieme tra gli altri
a Simone Cristicchi. In quell’ occasione si è aggiudicata i premi per il miglior testo
e per la miglior interpretazione. Nel corso di quest’anno, oltre a comporre ed eseguire
dal vivo insieme a Michele Bazzanella, le musiche dell’ ultimo lavoro della compagnia
di danza Abbondanza/Bertoni, in scena in diversi teatri italiani, è risultata tra i vincitori
della rassegna per artisti emergenti del Mantova Musica festival.
La produzione del progetto musicale di Elisa Amistadi è curata da Paolo Fanini.
Elisa Amistadi si propone suonando piano e chitarra ed è accompagnata da due
musicisti che con lei hanno curato gli arrangiamenti dei brani: Michele Bazzanella
al basso elettrico, synth e programmazioni elettroniche e Michele Fanini alle chitarre,
programmazioni elettroniche e percussioni.



LOREDANA CONT
sabato 6 settembre 2008 - Piazzale Ex Bimac | ore 21.00

Loredana Cont, autrice ed attrice, è nata
in Svizzera ma vive e lavora da sempre
a Rovereto. Ha scritto la prima commedia
nel 1976 “A no saverla giusta”, poi dopo una
pausa di quasi dieci anni ha scritto la seconda
“L’eredità dela pora Sunta” e da allora ha scritto
in tutto 21 commedie (in due o tre atti) e 7 atti
unici. Ama scrivere e recitare in dialetto,
ritenendo che il teatro sia l’opportunità
per mantenere vive la tradizione e la cultura
popolare che in quest’epoca di globalizzazione
e di contaminazione vanno velocemente
perdendosi. Le sue storie prendono corpo
da situazioni di ordinaria e tranquillizzante
quotidianità che si complicano e si risolvono
in maniera esilarante, basate sugli equivoci,
sulla battuta veloce, sull’umorismo, sulla
comicità. I suoi personaggi, tratteggiati con cura e mai banali, sono protagonisti
a volte di situazioni che sono memoria; più spesso rappresentano l’attualità con
i suoi piccoli e grandi problemi, visti con l’occhio dell’autore che sa cogliere l’aspetto
divertente e porgerlo al pubblico in un contesto di scoppiettante e scanzonata ironia.
È l’autrice dialettale del momento, tant’è che da alcuni anni le commedie da lei scritte
sono le più rappresentate dalle filodrammatiche trentine. Nel 2004 i suoi testi sono
stati rappresentati circa 200 volte di cui 147 volte in Trentino da compagnie associate
alla Cofas. Le sue commedie, sono tradotte in altri dialetti, in italiano, tedesco,
sloveno. Ha ottenuto premi del pubblico e della critica sia come autrice che come
interprete.




ENZO AVITABILE E I BOTTARI DI PORTICO
domenica 7 settembre 2008 - Piazzale Ex Bimac | ore 21.00

Lo spettacolo di Avitabile e i Bottari di Portico
è un vero e proprio evento “mirato” che si sposa
bene con la manifestazione che lo accoglie:
il concetto di ”Artingegna” è stato sicuramente
presente nella mente di Avitabile quando
ha dato inizio a questo originale progetto
artistico/culturale/creativo con i Bottari.
Insieme a lui sul palco ci saranno proprio alcuni
artigiani di Portico, artigiani e artisti specializzati
nella costruzione di botti e nel loro collaudo che
da tradizione viene fatto suonando e utilizzando
la botte come strumento percussivo. I Bottari
affondano le loro radici in un antichissima
tradizione in cui i contadini, per propiziare
un buon raccolto, percuotevano freneticamente
botti, tini e falci. Nel 1982 esce il primo lavoro
discografico di Enzo Avitabile a cui faranno seguito altri nove album a suo nome.
Numerose le sue collaborazioni sia con artisti italiani quali Edoardo Bennato, Pino
Daniele, Tony Esposito, sia con alcuni tra i più grandi nomi della musica internazionale
come James Brown, Tina Turner, Richie Havens, Randy Crawford, Mory Kante e altri
ancora. Nel 2001 inizia a lavorare ad un progetto musicale completamente nuovo:
Enzo Avitabile e i Bottari di Portico, dove fonde il suo personalissimo stile, un incrocio
di funky, Rythm&Blues e atmosfere tipicamente mediterranee, con l’antica tradizione
dei Bottari che usano come percussioni gli strumenti del lavoro artigiano, botti, tini
e falci. Ciò che ne esce è una musica di grande impatto, anche in virtù della presenza
sul palco di una ventina tra musicisti e percussionisti, che trascina nella danza.
Enzo Avitabile e i Bottari hanno proposto la loro musica in moltissimi e prestigiosi
festival italiani ed europei.



L'ingresso è gratuito a tutti gli spettacoli

depliant eventi artistici (pdf)










inizio pagina
organizzato da www.ceii.it  
© osiride
www.artigiani.tn.it www.comune.rovereto.tn.it www.comprensorioc10.tn.it www.provincia.tn.it www.provincia.tn.it www.ruralerovereto.it www.gruppoitas.it www.gruppotrentinoservizi.it www.trentino.to www.aptrovereto.it